PROGETTI

Mensa della Caritas diocesana.

Ladispoli, vicino Roma, c’è una mensa aperta tutto l’anno per chi ha perso lavoro e famiglia.

Condividi

x

C’è un Paese dove chi bussa alla porta di una mensa, trova più di un pasto caldo.

Dedicato a persone con estrema povertà e alle marginalità, il centro offre un servizio di mensa diurna aperto 365 giorni all’anno, docce e distribuzione di abiti e coperte, un ambulatorio odontoiatrico e medico, con distribuzione di medicinali.

00:05 Purtroppo con le condizioni fisiche che ho

00:08 non riesco a lavorare.

00:09 Purtroppo la bastonata succede a tutti

00:13 ai ricchi e ai poveri.

00:14 Mi hanno dato una grande mano

00:17 mi hanno voluto bene

00:18 mi hanno dato fiducia.

00:20 Tutto è iniziato da mia madre.

00:22 Tutti arrivano qui da storie diverse e da strade diverse

00:26 ma con la stessa volontà di mettersi al servizio.

00:35 Nell’84 ho avuto un incidente stradale.

00:39 Mi sono sempre trovato in svantaggio

00:42 perché ho anche il problema del bere.

00:45 La mia storia è cominciata

00:47 perché ho cominciato a giocare alle macchinette.

00:50 È stata la mia rovina perché

00:52 ho cominciato a buttare parecchi soldi

00:57 e il matrimonio è andato a monte.

01:00 Ho iniziato nel 2016 con un infarto

01:06 che mi ha debilitato un po’

01:08 sia fisicamente che un po’ psicologicamente.

01:12 La mensa del Centro “Santi Mario, Marta e Figli”

01:16 nasce ormai alcuni decenni fa.

01:20 Come tutte le cose che riguardano l'aiuto al prossimo

01:26 nasce originariamente in maniera un po' spontanea

01:29 perché delle signore, delle volontarie

01:32 si accorgono di questo bisogno sul territorio.

01:37 Vedevo sempre mia madre tornare a casa molto felice

01:39 e allora un giorno le chiesi:

01:41 «Mamma, ma tu dove vai?»

01:43 E lei mi disse:

01:45 «Ho conosciuto delle signore che vanno in Caritas

01:48 ad aiutare delle persone che hanno bisogno».

01:52 Ci fecero notare che non era tutto fatto a norma di legge

01:57 e quella fu l'occasione in cui

02:01 si iniziò a progettare in maniera strutturata.

02:06 Anche grazie ai fondi CEI 8xmille

02:09 i locali e tutte le attrezzature

02:12 furono ristrutturate e fatte secondo le norme.

02:18 Decisi di andare anch'io

02:22 per vedere cosa si provava.

02:24 Da quel giorno poi non mi sono più staccata

02:26 e ho capito che quello che provava mia madre

02:29 lo provavo anch'io

02:30 cioè tornavo a casa felice

02:32 come se avessi scalato una montagna molto alta.

02:38 L'aiuto che diamo noi

02:40 tutti i volontari compresa me

02:42 è un aiuto gratuito

02:45 che riesce a inserirli anche magari in un contesto

02:50 che non è solo il dare cibo o farsi una doccia.

02:54 Adesso faccio anche un po’ di volontariato

02:57 perché sono uscito dall’alcol

02:59 ho fatto un po’ progressi ma c’è voluto molto molto tempo.

03:03 Ringrazio Dio di aver trovato queste persone che mi stanno dando veramente una mano.

03:07 Faccio solo del bene, aiuto il prossimo

03:10 quello che non ho fatto prima io.

03:12 L’ho fatto ma l’ho fatto di meno non l’ho fatto col cuore.

03:15 Adesso lo faccio col cuore e con l’anima.

03:18 Aiutare il prossimo.

03:28 Il servizio che faccio qua per me è gratificante.

03:31 Io non do a loro

03:33 ma loro mi lasciano un segno quando vado a casa.

I numeri del progetto

365

giorni di apertura nell’anno.

13.000

pasti erogati in un anno.

3.000

accoglienze al servizio docce e vestiario.

52

persone in cura presso lo studio odontoiatrico.

I valori del progetto

La gioia del dare aiuto.

In un ambiente familiare, operatori e volontari condividono con gioia alcuni momenti della giornata con gli ospiti: un aiuto gratuito che non si concretizza solo nella preparazione di un pasto caldo, ma nel reinserimento della persona nel contesto sociale, con una rinnovata dignità.

Un impegno quotidiano.

La mensa è aperta 365 giorni all’anno, per cui richiede un impegno costante da parte dei circa 40 volontari che si alternano durante la settimana. Il pranzo viene preparato al momento, nelle cucine della struttura, per cui è necessaria una coordinazione e una precisa gestione degli alimenti.

Un posto da cui ripartire.

Gli ospiti sono per la maggior parte cittadini italiani senza fissa dimora, o che non riescono a provvedere ai loro bisogni primari. Ritrovata la forza di ricominciare, alcuni ospiti diventano a loro volta volontari, un primo passo di responsabilità in attesa del reinserimento nella società.

Dove Siamo

Presso il Centro Caritas diocesana, in via Enrico Fermi 10, a Ladispoli, in provincia di Roma.

Dettaglio

Regione
Lazio
Diocesi
Porto - Santa Rufina
Località
LAdispoli RM
Ambito
Carità
Destinati
€ 55.800
Sito

Vai alla mappa 8xmille
per conoscere altri progetti

Ti potrebbe interessare:

Nguludi (MALAWI)

Ospedale St. Joseph, per le comunità rurali.

Rimini

Giro nonni, assistenza agli anziani.

Isernia

Tutti in campo, orti solidali e avviamento al lavoro.

Vuoi ricevere aggiornamenti mensili
su come vengono destinati i fondi dell'8xmille?