MAPPA 8XMILLE

Scopri i progetti.

×

Mater Misericordiae

Regione: Emilia Romagna

Diocesi: Rimini

Località: Rimini RN

Ambito: Culto e Pastorale

Destinati: € 258.228

Anno: 1997

Condividi

Acquisto area.
 

Ricerca un progetto:

CI SONO 16356 PROGETTI

Mater Misericordiae

Regione: Emilia Romagna

Diocesi: Rimini

Località: Rimini RN

Ambito: Culto e Pastorale

Destinati: € 258.228

Anno: 1997

Acquisto area.
 

Maria Santissima di Costantinopoli

Regione: Abruzzo Molise

Diocesi: Trivento

Località: Agnone IS

Ambito: Culto e Pastorale

Destinati: € 247.898

Anno: dal 1991 al 1995

Completamento nuova chiesa parrocchiale.

Centro sollievo Alzheimer - I anno

Regione: Sardegna

Diocesi: Nuoro

Località: Nuoro

Ambito: Carità

Destinati: € 18.000

Anno: 2019

La Caritas Diocesana da tempo collabora con ’ Associazione Alzheimer -Nuoro e con la Cooperativa Sociale “Progetto Uomo”, cooperativa storica del territorio, che nella progettazione e gestione di servizi rivolti alla popolazione anziana e con disabilità, ha messo in campo energie e competenze professionali per rispondere ai bisogni delle persone affette da demenza ed alle loro famiglie. Attraverso tale collaborazione si è potuto riaprire nel 2017 un Centro di Sollievo per le persone affette da Demenza e Alzheimer. Attualmente, si garantisce l’apertura del centro per appena due pomeriggi alla settimana. Ad oggi i servizi e le prestazioni vengono garantiti a 12 utenti e consistono in : -Attività educative finalizzate al mantenimento delle abilità fisiche, cognitive, relazionali; Attività di socializzazione e ricreativo- culturali individuali (definite secondo le capacità ed interessi dei singoli ospiti) e collettive finalizzate alla conoscenza ed alla condivisione; Organizzazione e gestione di momenti di Informazione e Formazione di gruppo sugli   aspetti della malattia e sulle modalità di approccio ai più comuni problemi che la gestione  dei malati presenta ;Supporto ai familiari nella gestione della cura e assistenza; Ascolto, attraverso il colloquio diretto, per la rilevazione dei bisogni; Informazione e orientamento ai servizi offerti, agli interventi e alle risorse presenti nel territorio. L’idea progettuale di fondo qui esposta, è quindi quella di potenziare una realtà assistenziale già esistente, come sopra descritta. E in particolare si prevede: -apertura del Centro Sollievo, per 3 pomeriggi alla settimana ( martedì -mercoledì e giovedì  ) per un totale di 4 ore al giorno (a fronte degli attuali 2 pomeriggi); -acquisto di nuovi e necessari arredi finalizzati al maggior inserimento di nuovi ospiti, arrivando ad un numero complessivo di circa 20 persone.

Il ristoro degli angeli - I anno

Regione: Abruzzo

Diocesi: Lanciano - Ortona

Località: Ortona CH

Ambito: Carità

Destinati: € 15.000

Anno: 2019

Il progetto intende potenziare il servizio della mensa sociale di Ortona, gestita dalla associazione "Il ristoro degli angeli" che opera su un immobile messo a disposizione dalla Diocesi in seguito ad un lascito vincolato. La mensa dal 2003 riceve un contributo anche dal Comune di Ortona come rimborso spese per acquisti di generi alimentari e pagamento utenze per circa 40 mila euro/anno. L'obiettivo generale del progetto resta quello di promuovere il diritto primario ad un’alimentazione sana ed equilibrata in favore di cittadini che non hanno la possibilità e capacità di provvedere autonomamente, ma allo stesso tempo si vuole sostenere gli stessi affinché superino il momento di difficoltà. Il percorso vuole realizzarsi portando avanti due progetti paralleli: da una parte si intende provvedere alla manutenzione straordinaria, alla messa a norma del locale nel quale vi sarà la mensa socio – solidale di proprietà dell’Arcidiocesi e all'acquisto di tutte le attrezzature e arredi necessari, dall'altra si mira a riorganizzare il servizio e il coordinamento dei volontari/operatori. Per raggiungere tali obiettivi, sarà necessario determinare una sinergia tra i vari attori coinvolti: il Comune di Ortona, il CdA del Vicariato di Ortona e l’Associazione "JOSEPH". Il progetto prevede l'acquisto di attrezzature adeguate per la cucina, il potenziamento delle attrezzature informatiche, la realizzazione di un ascensore ed un impianto di climatizzazione, nonché un contributo per le figure professionali (cuoco/aiuto cuoco, magazziniere, docenti di promo soccorso, sicurezza, ecc). Si segnalano qui i fondi diocesani.

Il ristoro degli angeli - I anno

Regione: Abruzzo

Diocesi: Lanciano - Ortona

Località: Ortona CH

Ambito: Carità

Destinati: € 112.000

Il progetto intende potenziare il servizio della mensa sociale di Ortona, gestita dalla associazione "Il ristoro degli angeli" che opera su un immobile messo a disposizione dalla Diocesi in seguito ad un lascito vincolato. La mensa dal 2003 riceve un contributo anche dal Comune di Ortona come rimborso spese per acquisti di generi alimentari e pagamento utenze per circa 40 mila euro/anno. L'obiettivo generale del progetto resta quello di promuovere il diritto primario ad un’alimentazione sana ed equilibrata in favore di cittadini che non hanno la possibilità e capacità di provvedere autonomamente, ma allo stesso tempo si vuole sostenere gli stessi affinché superino il momento di difficoltà. Il percorso vuole realizzarsi portando avanti due progetti paralleli: da una parte si intende provvedere alla manutenzione straordinaria, alla messa a norma del locale nel quale vi sarà la mensa socio – solidale di proprietà dell’Arcidiocesi e all'acquisto di tutte le attrezzature e arredi necessari, dall'altra si mira a riorganizzare il servizio e il coordinamento dei volontari/operatori. Per raggiungere tali obiettivi, sarà necessario determinare una sinergia tra i vari attori coinvolti: il Comune di Ortona, il CdA del Vicariato di Ortona e l’Associazione "JOSEPH". Il progetto prevede l'acquisto di attrezzature adeguate per la cucina, il potenziamento delle attrezzature informatiche, la realizzazione di un ascensore ed un impianto di climatizzazione, nonché un contributo per le figure professionali (cuoco/aiuto cuoco, magazziniere, docenti di promo soccorso, sicurezza, ecc).

Il muro invisibile - I anno

Regione: Molise

Diocesi: Termoli - Larino

Località: Larino CB

Ambito: Carità

Destinati: € 13.450

Avvalendoci di un percorso terapeutico-espressivo attraverso l'ausilio di laboratori artigianali e artistici, riteniamo di poter aiutare gli abitanti della casa circondariale di Larino nell'affrontare un percorso volto a rielaborare la sofferenza (personale, familiare ed arrecata agli altri) e imparare nuovi stili di vita, sperimentandosi in ruoli sociali che non hanno mai avuto la possibilità di vivere.

Una casa per ricostruirsi - II anno

Regione: Sardegna

Diocesi: Ales - Terralba

Località: Guspini SU

Ambito: Carità

Destinati: € 60.000

Il progetto, alla seconda annualità, si realizza a Guspini e Arbus, centri presso i quali sono state allestite due strutture di accoglienza in co-housing per 25 donne in condizione di vulnerabilità sociale. Oltre al completamento dei lavori sulla struttura di Guspini, e all'avvio vero a proprio delle attività di accoglienza anche in questo centro, la seconda annualità prevede principalmente la strutturazione dei laboratori e dei percorsi di accompagnamento al co-working, per le donne in carico al centro di ascolto specificamente avviato, nell'ambito della produzione alimentare (pane, dolci, confettura, erbe officinali) e tessile. Il progetto è supportato da una équipe multidisciplinare per l'accompagnamento delle donne e la loro formazione professionale.

Una comunità che accoglie - I anno

Regione: Trentino-Alto Adige

Diocesi: Trento

Località: Arco TN

Ambito: Carità

Destinati: € 47.800

Anno: 2017

La progettualità che si sta proponendo è una parte di quella, più estesa a tutta la Diocesi e già messa in campo che è la TerzAccoglienza. L’idea nasce dall’esigenza di avere un luogo in cui accompagnare almeno per altri 12 mesi di progettualità nuclei familiari non in grado di proseguire il percorso di inclusione sociale senza un supporto. Il progetto “una Comunità che Accoglie” non intende solo dare abitazione, ma è un percorso educativo insieme all’equipe di operatori per la ricerca lavorativa e abitativa e per l’inserimento sociale tramite le risorse che sui territori già ci sono. L’obiettivo è dunque quello di dare accoglienza a persone che hanno quasi raggiunto autonomia in ogni ambito e alle quali manca davvero poco per maturare quelle conoscenze per farle andare avanti senza aiuti né sostegni. Oltre a dare accoglienza, si vuol fare opera di monitoraggio delle singole situazioni (lavoro, scuola, volontariato) cercando di creare attorno a queste persone una comunità accogliente sensibile e disponibile come un buon vicino.

Dalla terra alla vita - I anno

Regione: Molise

Diocesi: Termoli - Larino

Località: Larino CB

Ambito: Carità

Destinati: € 59.700

Il progetto, biennale, si realizza sul territorio della Diocesi di Termoli-Larino e si propone di promuovere l'inserimento lavorativo di 25 inoccupati, nel rispetto dei principi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Nello specifico il progetto prevede il supporto alla cooperativa "Arcobaleno Sorriso di Dio", promossa dalla Diocesi nel 2009, in rete con altre realtà diocesani, per la formazione professionale e la realizzazione di inserimenti lavorativi per 25 persone inoccupate, in questi settori: - servizi di pulizia (a partire da un appalto esclusivo con la Diocesi e le realtà ad essa collegate) - potatura professionale e manutenzione del verde pubblico - servizio mensa e catering per eventi, valorizzando la cucina professionale esistente presso la Casa di Formazione "Giovanni XXIII" e i prodotti agricoli dell'azienda "Terre del Seminario" - trasformazione dei prodotti biologici delle "Terre del Seminario", e commercializzazione presso un emporio alimentare avviato con il progetto Senapa (microcredito) - accoglienza per famiglie e gruppi alla ricerca di percorsi di turismo sociale sostenibile, presso la Casa Formazione - organizzazione eventi e convegni presso la medesima Casa

Insegnami a studiare da solo 2

Regione: Sardegna

Diocesi: Alghero - Bosa

Località: Alghero SS

Ambito: Carità

Destinati: € 51.300

Il progetto ha come destinatari alunni stranieri, che rientrano nei BES (Legge 27 dicembre 2012), i quali necessitano di strategie di intervento programmate e strumenti di lavoro semplificati. I ragazzi stranieri che quest'anno hanno frequentato il doposcuola sono stati in numero rilevante, e si è constato come un percorso assiduo permetta loro di migliorare sempre più l'approccio con la lingua italiana, e quindi con lo studio, ma sia anche favorevole per il rapporto con gli altri. Sono previste lezioni individuali di potenziamento; attività di "Cooperative Learning" per esercitare la produzione orale e scritta della lingua italiana, creazione di una piattaforma gratuita in cui inserire appunti e dispense semplificate; colloqui individuali per monitorare l'inserimento nel nuovo contesto sociale e culturale; laboratori interculturali. Il progetto, inoltre, vuole intervenire sugli alunni che hanno abbandonato gli studi scolastici (Circolare ministeriale 6 marzo 2013). Questi due interventi si inseriscono entrambi nelle attività di contrasto alla dispersione scolastica, emergenza in crescita. Consistono in percorsi personalizzati (sostegno, doposcuola, incontri periodici con la famiglia, la scuola ed eventuali i professionisti che lavorano con i ragazzi).

In crisi... ma non soli 3

Regione: Sicilia

Diocesi: Palermo

Località: Palermo

Ambito: Carità

Destinati: € 18.000

Anno: 2018

Il progetto si realizza a Palermo, e consiste nella continuità del servizio di accoglienza e accompagnamento che la Caritas diocesana offre dal 2016 a 10 padri separati, in temporanea difficoltà economica e sociale, per ciascuna annualità. Oltre alla possibilità di alloggio autonomo per un anno, il progetto prevede lo sviluppo di percorsi personalizzati in ordine a: - rafforzamento delle funzioni genitoriali, anche in riferimento alla possibilità di accogliere i figli degli ospiti; - mediazione familiare; - orientamento ai servizi territoriali e consulenza legale.

In crisi... ma non soli 3

Regione: Sicilia

Diocesi: Palermo

Località: Palermo

Ambito: Carità

Destinati: € 42.000

Anno: 2018

Il progetto si realizza a Palermo, e consiste nella continuità del servizio di accoglienza e accompagnamento che la Caritas diocesana offre dal 2016 a 10 padri separati, in temporanea difficoltà economica e sociale, per ciascuna annualità. Oltre alla possibilità di alloggio autonomo per un anno, il progetto prevede lo sviluppo di percorsi personalizzati in ordine a: - rafforzamento delle funzioni genitoriali, anche in riferimento alla possibilità di accogliere i figli degli ospiti - mediazione familiare - orientamento ai servizi territoriali e consulenza legale

Di nuovo cittadini - I anno

Regione: Sicilia

Diocesi: Palermo

Località: Palermo

Ambito: Carità

Destinati: € 11.000

Anno: 2018

La Chiesa invita a una “conversione culturale” in cui la “giustizia riconciliativa” prevalga sulla «giustizia retributiva». Ciò permette sia di offrire alle vittime un ruolo attivo, sia di restituire alla società la responsabilità di rieducare. Lo aveva detto anche Cesare Beccaria: “Se le pene saranno moderate… sarà tolto lo squallore e la fame dalle carceri… la compassione e l’umanità penetreranno le porte ferrate”. L’esigenza personale del detenuto di vivere in carcere un tempo di riabilitazione e di maturazione è infatti esigenza della stessa società, sia per recuperare una persona che possa validamente contribuire al bene di tutti, sia per depotenziare la tendenza a delinquere e la pericolosità sociale. Proprio su questa focalizzazione, il progetto intende porre l’attenzione sul percorso di revisione critica legato all’azione dissociale compiuta, non solo in termini di regola disattesa, ma nell’aspetto personale, familiare e sociale. Per tale ragione, saranno proposte attività di rilevanza psicoterapeutica e pedagogica, all’interno di sezioni speciali, definite su proposta della direzione dell’Istituto penitenziario. La Chiesa entra in questo modo nella sfera del trattamento penitenziario, non solo in termini assistenziali, ma anche e soprattutto come impegno, in modo concreto e non solo come affermazione di un principio, per una effettiva rieducazione della persona, richiesta sia in funzione della dignità del detenuto stesso, sia in vista del suo reinserimento sociale. Il modello gruppale di revisione e ripensamento dell'azione dissociale sarà riproposto con i detenuti che svolgono attività di volontariato in misura alternativa e/o LPU presi incarico dalla nostra Caritas diocesana all'esteno della dimensione carceraria. Per la comunità che accoglie e il sociale sarà definito un piano di sensibilizzazione e informazione che coinvolgerà parrocchie, movimenti, associazioni, al fine di ampliare la rete di supporto esistente, ancora difficile da sviluppare, soprattutto verso i detenuti che possono godere di un beneficio e/o misura alternativa alla detenzione. Particolare attenzione sarà rivolta alla collaborazione con il volontariato interno e con i cappellani. Ulteriore azione riguarderà il sostegno ai detenuti e alle famiglie dei detenuti,quest’ultime gravate dall’assenza di un reddito o con redditi incapaci di potere garantire un minimo di sussistenza familiare, anche attraverso tirocini, borse lavoro/studio.

Educativamente - III anno

Regione: Sicilia

Diocesi: Palermo

Località: Palermo

Ambito: Carità

Destinati: € 12.000

Anno: 2018

Il progetto, in continuità con quanto realizzato nelle due annualità precedenti, si realizza a Palermo, a beneficio di 25 persone con sofferenza mentale. Nello specifico si prevede la realizzazione di: - un percorso formativo per volontari e operatori Caritas, anche a livello parrocchiale, realizzato presso il DSM; - 4 tirocini formativi, in collaborazione con l'associazione UFE (utenti e familiari esperti); - 25 percorsi terapeutici e risocializzanti, per ciascuno dei beneficiari, da svolgersi presso parrocchie e servizi della Caritas diocesana, e accompagnati da volontari (28); - la realizzazione di un convegno diocesano sui temi della prevenzione e della cura in ambito di igiene mentale. Si segnalano qui i fondi diocesani.

Integra - I anno

Regione: Sicilia

Diocesi: Palermo

Località: Palermo

Ambito: Carità

Destinati: € 27.000

Anno: 2018

Fermiamoli, accogliamoli, blocchiamo il flusso, Aiutiamoli a casa loro. La Chiesa ricorda che “l'emigrazione africana non è figlia di una sciagura transitoria, ma di un sistema di saccheggio di cui siamo stati e siamo ancora parte attiva, addirittura suoi artefici”. Queste parole strappano il velo della rimozione che sembra annebbiare il senso comune e la propaganda del politico di turno in una sorta di incoscienza, tipica di chi guarda gli sconvolgimenti prodotti da un ciclone e si chiede come mai sia potuta accadere una “calamità” del genere. Ancora oggi e soprattutto oggi, la questione migrazione continua ad essere per alcuni settori strumento di manipolazione sociale, nuovo baricentro tematico sfruttato e strumentalizzato impropriamente e pericolosamente a fini politici. Di certo la questione delle mobilità umane pone diversi interrogativi che i cristiani devono per primi accogliere ed affrontare. Il nostro territorio continua ad essere luogo di stabilizzazione e di investimento da parte di persone che vengono da luoghi diversi e che hanno creato e stanno portando avanti le loro famiglie. Per tale ragione il versante dell’integrazione sociale e del supporto sociale, familiare e lavorativo è obiettivo di tale progettualità, al pari di un impegno costante e rinnovato sulla informazione corretta, adeguata, obiettiva che possa coniugarsi con gli insegnamenti e le esortazioni cristiani. Il target di riferimento saranno nuclei familiari, singoli e donne e giovani vittime di tratta e di sfruttamento sessuale. Si intende raggiungere tali obiettivi attraverso un supporto materiale alla regolarizzazione, alla legalità dell’attività lavorativa con opportunità di orientamento e inserimento lavorativo (borse di studio/lavoro, tirocini formativi, percorsi educativi). Al contempo si cercherà di sostenere economicamente nuclei e singoli nella gestione della quotidianità, ancora oggi difficile e aggravata da un clima di razzismo che purtroppo sta prendendo sempre più piede. Ciò sarà fatto attraverso un sostegno economico, sociale ed abitativo, prevedendo per situazioni particolari anche un’accoglienza di piccoli nuclei presso strutture della Caritas stessa. Si segnalano qui i fondi diocesani.

CI SONO 16356 PROGETTI

Vieni a conoscere i numeri del rendiconto generale delle destinazioni dell'8xmille.

Vai al rendiconto

Scopri alcuni dei progetti realizzati.

Tortolì (NU)

Mensa Caritas.

Tortolì (NU)

Microcredito, Caritas diocesana.

Roma

La Casa nelle Stelle, assistenza notturna.

Caserta

Parrocchia del Buon Pastore, aiuto alla comunità.

Piacenza

Officina delle 4S, scuola di italiano per stranieri della Caritas diocesana.

Ales Terralba (OR)

Marcia della Pace.

Serramanna (SU)

Fattoria San Michele, comunità terapeutica.

Caprarola (VT)

Piccola casa della Misericordia, centro diurno per ragazzi disabili.

Ferrara

Casa Betania, accoglienza per donne e minori.

Vuoi ricevere aggiornamenti mensili
su come vengono destinati i fondi dell'8xmille?